parallax background

Ecco alcuni semplici consigli per il tuo piano editoriale

Pubblicato il 4 Gennaio 2013
 

Se avete messo in piedi la vostra strategia di Content Marketing ecco alcuni semplici consigli per renderla ancora più performante:
 
La regola 80/20
 
Prima di passare alla  creazione del contenuto, c'è una regola importante da ricordare: il principio di 80/20 di Pareto. Riportandola al nostro focus, si traduce nel considerare l'80% dei contenuti non di natura promozionale, ma semplicemente volta a coinvolgere il pubblico. Possiamo dunque sviluppare contenuti "complementari" che non sono direttamente legati alla nostra azienda o prodotto, e che non utilizzano invadenti tattiche di vendita, ma sono propedeutici per informare su un argomento correlato alla nostra attività.
 
Il restante 20% verrà utilizzato invece per scopi promozionali. Buoni, vendite e la promozione di un prodotto specifico rientrano in questa categoria. Avere una voce personale o una storia dentro il post aggiunge un elemento meno “salesy” che  promuove in modo ancora più efficace il prodotto.
 
 
La strategia di ricerca di contenuti
 
Ora cerchiamo di scavare più a fondo per determinare quali contenuti si dovrebbero inserire in un buon piano editoriale. Un ottimo modo per temi di ricerca del blog efficaci è quello di raggiungere e coinvolgere i clienti attraverso i social media. Prova a pubblicare una citazione famosa che si riferisce al tuo business. Oppure chiedere ai clienti quello che il loro prodotto preferito e perché. Non solo si coinvolgono i followers, ma si riceve un prezioso feedback, che vi aiuterà a strtturare meglio le idee per il contenuto del blog.
 
Hai trovato uno strumento online che può aiutare i tuoi clienti?  Hai scoperto un articolo interessante e pensi che il tuo pubblico ne possa beneficiare? Pubblicalo. Se si condividono contenuti creati da altre aziende o persone, anche loro possono, a loro volta, condividere i tuoi messaggi e post, oltre che guardare con interesse la tua azienda. Questa strategia in tandem con altre tattiche è conosciuto come "Approccio BuzzFeed."  
 
Il contenuto  di un post non deve essere necessariamente in linea con le tue offerte per essere condiviso. Immaginate, ad esempio, i seguaci di Intel come risulterebbero essere  annoiati con solo blog e post su tecnologia dei microchip.
 
Documentarsi sempre


Fare qualche ricerca su ciò che la gente si aspetta da noi ed utilizzare queste informazioni per la nostra strategia di contenuti.
È possibile sfruttare le informazioni di Facebook Insight e Analytics per riconoscere un trend positivo ed inidirizzare il contenuto verso quel gruppo specifico, con, quindi, maggiori probabilità di efficacia e risposte positive. 


 
Social media
 
Ci dirigiamo di nuovo ai social media. I social media, in base ad un sondaggio recente ricoprono  sempre più il ruolo di medium che più influenza il comportamento d’acquisto, secondo solo alla televisione. Gli utenti non sono semplicemente sui social media per l'intrattenimento –ma anche per “risolvere problemi “ di altra natura come può essere il cercare spunti e consigli per il prossimo acquisto.
 Questo significa che il tuo blog ha il potenziale per raggiungere un vasto pubblico - soprattutto se ottimizzi i contenuti verso il giusto target intercettato attraverso il giusto network.

 
Condividi contenuti
 
Ora è il momento di condividere i post del blog. Facebook e Twitter sono luoghi ideali per iniziare. Entrambi sono perfetti per il collegamento ai tuoi post e poter  interagire con i tuoi lettori. E’ importante  attivare la possibilità di generare conversazioni ed ascoltare i nostri clienti. Se, ad esempio,  una discussione nata intorno ad un post ha catturato l'attenzione di alcuni potenziali clienti,  tutto ciò rappresenta un ottimo indicatore di attenzione su un determinato argomento che magari si potrebbe riproporre in un altro post del blog.
 
Se il tuo post sul blog è ricco di immagini, un percorso migliore può essere l'integrazione con Pinterest o Instagram. Con Pinterest, è possibile iscriversi come un azienda piuttosto che come persona. Aggiungere il widget "pin" al tuo sito web permette di condividere direttamente sulla board di un utente, incoraggiando l'interazione. Pinterest è ottimo per infografica o messaggi di prodotti - come quello che i clienti fanno con i vostri prodotti dopo l'acquisto.
 
 
Il Tempo giusto
 
All’interno di un piano editoriale è importante considerare il momento migliore per condividere i nostri post. Le insight di Facebook, Google Analytics ci offrono importanti informazioni sul momento della giornata, della settimana in cui i nostri lettori ci seguono maggiormente.
 
E’ importante pero considerare che ogni social ha la sua linea temporale nella diffusione dei messaggi. Nel mese di marzo, Instagram ha fatto modifiche al modo in cui la linea temporale ci fornisce messaggi, basandolo su algoritmi molto simili a Facebook. Ricordate che il trend delle news feed ha come obiettivo principale  quello di servire agli utenti  contenuti che potrebbero interessarli, piuttosto che semplicemente i post più recenti. 

W
Gianluca Abbruzzese
CEO & Founder Lascò